La Federazione Europea dei Produttori di Alimenti Composti per animali ha pubblicato in questi giorni il suo Market Outlook 2021 che riporta i dati sulla produzione di mangimi nell’UE e nel Regno Unito nel 2020. Secondo i dati presentati da FEFAC, la produzione industriale di mangimi composti nell’UE è rimasta stabile nel 2020, nonostante l’effetto combinato della diffusione di zoonosi, come la PSA e la IA, e della pandemia di COVID-19.

La produzione di mangimi composti dell’UE (UE 27[1]+Regno Unito) destinati agli animali d’allevamento[2] nel 2020 è stimata a 164,9 milioni di tonnellate, con un aumento incrementale dello 0,1% rispetto al 2019, secondo i dati forniti dai membri della FEFAC.

Nonostante la pandemia di COVID-19 e il suo pesante impatto su diversi settori, tra cui l’HORECA e il turismo, l’industria mangimistica europea è riuscita a mantenere la sua produzione a un ritmo stabile, contrariamente alle prime previsioni. Mentre i mangimi per bovini ed avicoli hanno visto un calo, tutti gli altri settori hanno registrato una crescita della produzione rispetto al 2019.

La diminuzione dello 0,8% nella produzione di mangimi per avicoli, che è la prima registrata in 10 anni, è il risultato dell’effetto combinato della diffusione dell’influenza aviaria (HPAI) e delle misure di blocco del COVID-19. Nel 2020 ci sono state due stagioni dell’epidemia di HPAI in Europa[3] che hanno depresso il settore avicolo. Nei primi mesi del 2020, la malattia è stata rilevata in PL, CZ, DE, SK, RO e HU mentre in autunno la malattia ha colpito NL, DK, HR, FR, IR, SE, UK e ancora PL e DE. Il paese più colpito è stato l’Ungheria dopo che il virus è entrato in un’area con un’alta densità di allevamenti di anatre e oche. Le misure di blocco del COVID-19 e la diminuzione complessiva del turismo hanno avuto un effetto negativo soprattutto in Spagna, dove il settore avicolo ha ridotto sostanzialmente la sua produzione di quasi il 20% rispetto al 2019.

La produzione di mangime per bovini è leggermente diminuita dello 0,2%, principalmente a causa dell’impatto indiretto del COVID-19 e della chiusura del canale HORECA (Hotel/Ristorante/Catering), che hanno portato ad uno spostamento della domanda dei prodotti di origine animale da parte dei consumatori. Tuttavia, la quantità di mangime per il bestiame non è diminuita come inizialmente previsto a causa di una stagione primaverile più secca del normale e della scarsa crescita dell’erba in diversi paesi.

Nonostante la diffusione della peste suina africana (PSA) in Europa e il suo impatto sul settore suino, la produzione di mangimi per suini è aumentata dell’1,3% nel 2020. Ciò è dovuto principalmente al fatto che diversi paesi hanno aumentato le loro esportazioni verso la Cina, beneficiando del divieto di esportazione della Germania. Inoltre, a causa dei problemi creati dal COVID-19 relativamente alla capacità dei macelli, molti animali da allevamento sono rimasti negli allevamenti più a lungo del necessario, il che ha portato ad un maggiore consumo di mangime. Rispetto agli animali giovani, gli animali in finissaggio hanno un rapporto di conversione del mangime più elevato (è necessario più mangime per produrre un kg di carne/mantenere il peso).

Prospettive per il 2021

Guardando alle prospettive di mercato per il 2021, nei primi mesi il settore suinicolo e avicolo è stato caratterizzato da una redditività molto bassa a causa dell’aumento dei prezzi dei mangimi, legato alla ripresa del mercato mondiale dei cereali a partire dal quarto trimestre del 2020. Un numero crescente di Stati membri affronta problemi per le esportazioni dell’UE di prodotti animali a causa dell’evoluzione della situazione dell’IA e della PSA. Nel complesso, si prevede che i problemi di mercato per i prodotti di origine animale derivanti dalla combinazione degli impatti di COVID-19, IA e PSA continueranno e, in quanto tali, avranno un impatto sulla produzione di mangimi composti industriali.

Inoltre, l’impatto dell’agenda politica del Green Deal dell’UE e le iniziative delle autorità nazionali per affrontare le emissioni ambientali (BE, NL – emissioni di ammoniaca) e le questioni relative al benessere (DE) continuano a creare ulteriore pressione sul settore dell’allevamento e dei mangimi dell’UE.

[1] Senza Lussemburgo, Grecia e Malta

[2] Dal 2016 in poi, la FEFAC non include più la produzione di pet food secco nelle sue statistiche, considerando che gran parte della produzione era assente nelle statistiche nazionali.

[3] https://ec.europa.eu/food/system/files/2021-01/ad_control-measures_hapai_chrono_2020_map.pdf

 

Fonte: FEFAC

Print Friendly, PDF & Email