Risposta del microbioma intestinale umano indotta dall’assunzione di prodotti lattiero-caseari fermentati in volontari sani

//Risposta del microbioma intestinale umano indotta dall’assunzione di prodotti lattiero-caseari fermentati in volontari sani

Risposta del microbioma intestinale umano indotta dall’assunzione di prodotti lattiero-caseari fermentati in volontari sani

I dati accumulati suggeriscono che il microbioma intestinale può reagire rapidamente ai cambiamenti nella dieta. Il consumo di prodotti lattiero-caseari fermentati (fermented dairy products, FDP) fortificati con microrganismi probiotici può essere associato ad un impatto positivo sulla salute umana. Tuttavia, la portata e i dettagli del possibile impatto del consumo di FDP sulla struttura della flora intestinale tendono a variare tra individui. Per caratterizzare i cambiamenti nella composizione del microbiota intestinale dopo 30 giorni di assunzione di uno yogurt fortificato con Bifidobacterium animalis subsp. lactis BB-12 sono stati caratterizzati grazie all’utilizzo dell’analisi del microbioma.

Il sequenziamento del gene rRNA 16S è stato utilizzato per valutare la composizione microbica intestinale prima e dopo il consumo di FDP negli adulti sani (n = 150). Il confronto del contenuto microbico intestinale ha dimostrato un aumento della presenza di batteri potenzialmente benefici, in particolare del genere Bifidobacterium, nonché di Adlercreutzia equolifaciens e Slackia isoflavoniconvertens. A livello funzionale, è stata osservata un’aumentata capacità di metabolizzare il lattosio e sintetizzare gli aminoacidi, accompagnata da un ridotto potenziale di sintesi dei lipopolisaccaridi. L’analisi per cluster ha rivelato che i volontari dello studio erano divisi in due gruppi con una risposta del microbiota post-intervento che dipendeva dalla struttura della comunità microbica di base.

Cambiamenti significativi nella tassonomia e nella funzionalità microbica dell’intestino suggeriscono che un singolo mese di consumo di FDP può promuovere un generale effetto positivo sull’intestino umano e, eventualmente, sulla fisiologia generale dell’ospite. Sono necessari ulteriori studi per confermare qualsiasi potenziale impatto duraturo sul microbiota indigeno e su altri microrganismi residenti dopo la sospensione del consumo di prodotti lattiero-caseari fermentati.

Insieme all’interessante aumento dei batteri produttori di equolo, i risultati suggeriscono un potenziale impatto del consumo di FDP sul microbiota intestinale umano che promuove cambiamenti nelle specie presenti che sono associate ad un impatto positivo sui biomarcatori comunemente legati a processi infiammatori, ormonali, e funzione cardiovascolare. La firma microbica intestinale identificata nei partecipanti allo studio richiede conferma e ulteriori indagini in merito alla generalizzabilità sulla popolazione. L’analisi del microbiota può aiutare a identificare i probiotici ottimali per supportare raccomandazioni nutrizionali personalizzate basate sulla struttura e sulla funzionalità della comunità microbica intestinale.

 

 

Human Gut Microbiome Response Induced by Fermented Dairy Product Intake in Healthy Volunteers

Olesya Volokh 1,†, Natalia Klimenko 2,3,†OrcID, Yulia Berezhnaya 1, Alexander Tyakht 2,3,4,*OrcID, Polina Nesterova 1, Anna Popenko 2 and Dmitry Alexeev 2,4,5

1 PepsiCo R&D, Inc., Leningradsky prospekt, 72-4, 125315 Moscow, Russia
2 Knomics LLC, Skolkovo Innovation Center, Bolshoy bulvar street 42-1, 143026 Moscow, Russia
3 Institute of Gene Biology of Russian Academy of Science, Group of Molecular Organization of Genome, 34/5 Vavilova Str., 119334 Moscow, Russia
4 ITMO University, Computer Technology Department, Kronverkskiy pr., 49, 197101 St. Petersburg, Russia
5 Atlas Biomed Group, 92 Albert Embankment, Lambeth, London SE1 7TT, UK

* Correspondence: a.tyakht@gmail.com

† These authors contributed equally to this work.

Nutrients 201911(3), 547; doi: 10.3390/nu11030547
Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Ruminantia - Lo spazio in rete dell'Allevatore. I migliori professionisti del settore a supporto dell'allevatore italiano, con informazioni aggiornate e articoli scientifici.

Scrivi un commento