L’UE deve sostenere la designazione dell’anno 2026 come Anno internazionale dei pascoli e dei pastori (International Year of Rangelands and Pastoralists- IYRP)

Il Comitato europeo delle regioni, l’iniziativa Yolda, l’Associazione europea delle zone di montagna (Euromontana) ed il Regional International Year of Rangelands and Pastoralists Support Group for Europe hanno organizzato il 14 giugno un workshop online congiunto per sottolineare la necessità di sostenere i pastori.

La pastorizia è un’antica pratica di allevamento estensivo su pascoli come montagne, pianure aride, savane, steppe e tundra. Questa forma di allevamento fa un uso economico di aree non adatte all’agricoltura meccanizzata e/o di difficile accesso.

Più della metà della superficie terrestre è classificata come pascolo. In media, il 21% della superficie agricola utilizzata nell’UE-27 è destinato al pascolo estensivo. La percentuale è particolarmente elevata in Portogallo (59 %), Lettonia (58 %), Estonia (55 %) e Svezia (52%). Nel corso della sua ultima riunione, il Comitato europeo delle regioni ha ribadito la sua richiesta alla Commissione europea di elaborare un piano d’azione per promuovere e sostenere meglio la pastorizia europea.

Ulrika Landergren (SV/Renew), Presidente della Commissione per le risorse naturali (NAT), ha dichiarato che: “Per il Comitato europeo delle regioni, il mantenimento della pastorizia è fondamentale per mantenere vive le zone rurali e per contribuire alla coesione territoriale, che è un valore fondamentale dell’UE”.

Juan Andrès Gutiérrez, Presidente di Euromontana, ha sottolineato che: “Il mantenimento della pastorizia è fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi del l’UE in materia di protezione del l’ambiente, del clima e della biodiversità nel l’ambito del l’accordo verde del l’UE. Gli Stati membri dovrebbero istituire misure di sostegno sufficienti e adeguate per la pastorizia nei loro futuri piani strategici della PAC. Inoltre, l’UE dovrebbe sviluppare un piano d’azione per la pastorizia per dare ai pastori l’adeguato sostegno di cui hanno bisogno per superare le minacce che affrontano”.

Herbert Dorfmann (IT/PPE), membro del Parlamento europeo e relatore sulla strategia Farm to Fork, ha affermato che: “Nell’ambito della nuova PAC sono stati elaborati piani relativi al ruolo delle città e delle regioni per consentire la pastorizia. Una delle grandi sfide è sicuramente il ritorno dei grandi carnivori. Un equilibrio tra la protezione dei lupi e la protezione del bestiame da pascolo è essenziale. Il fatto che ci siano pochi sforzi per proteggere il bestiame da pascolo dimostra che c’è un grande squilibrio all’interno di questo dibattito”.

Rui Martinho, Segretario di Stato per l’agricoltura e lo sviluppo rurale e rappresentante della presidenza portoghese del Consiglio, ha sottolineato che: “La pastorizia è essenziale per preservare l’agricoltura e l’allevamento nelle zone svantaggiate, contribuendo a creare un tessuto rurale vivo e quindi all’obiettivo di coesione territoriale sancito dal trattato di Lisbona. La pastorizia è fondamentale anche per raggiungere gli obiettivi di protezione dell’ambiente, del clima e della biodiversità dell’UE, come espresso nelle strategie 2030 Farm to Fork e Biodiversity”.

A livello globale, le Nazioni Unite (ONU) sono incoraggiate a designare ufficialmente il 2026 come Regional International Year of Rangelands and Pastoralists Support Group for Europe per sostenere ulteriormente questi ecosistemi e mezzi di sussistenza. Guidata dal governo della Mongolia, una coalizione internazionale di attori sostiene questa iniziativa.

Maria Helena M.Q. Semedo, Direttore generale aggiunto della FAO, ha dichiarato: “Il Consiglio della FAO ha approvato la proposta del Governo della Mongolia di stabilire il rispetto dell’International Year of Rangelands and Pastoralists nel 2026, in quanto il pastoralismo contribuisce a molti degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite”.

Engin Yılmaz, Direttore della Yolda Initiative, ha dichiarato:“L’International Year of Rangelands and Pastoralists mira a fornire l’impulso e lo slancio necessari per una comprensione mondiale dell’importanza dei rangeland e del pastoralismo per ecosistemi sani, sicurezza alimentare globale, adattamento ai cambiamenti climatici e mitigazione, e le economie rurali”.

“Un mondo moderno non dovrebbe lasciarsi alle spalle la questione”, ha dichiarato Mendsaikhan Zagdjav, Ministro dell’Alimentazione, dell’Agricoltura e dell’Industria Leggera, Mongolia.

Durante l’incontro si è discusso del pastoralismo in quattro tavole rotonde parlando dei seguenti argomenti: il contributo del pastoralismo alla biodiversità e alla lotta contro il cambiamento climatico; la sicurezza alimentare e le comunità rurali resilienti; il ruolo del pastoralismo a livello internazionale; e, infine, i modi per sviluppare un piano d’azione dell’UE per la pastorizia e per sostenere concretamente l’IYRP.

Clicca qui per affrondire l’argomento

 

Fonte: Commissione europea – L’Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell’UE

Print Friendly, PDF & Email