Sugar Plus: un esempio virtuoso e pratico di economia circolare

//Sugar Plus: un esempio virtuoso e pratico di economia circolare

Sugar Plus: un esempio virtuoso e pratico di economia circolare

In questi giorni è in corso in Polonia la Conferenza COP 24 organizzata dall’ONU per cercare una soluzione rapida ed efficace per ridurre la CO2 in atmosfera, principale gas ad effetto serra responsabile del surriscaldamento del nostro pianeta.

Siamo tutti ormai consapevoli del fatto che per salvare la terra è necessario cambiare il proprio stile di vita, e nel caso delle imprese il loro modo di produrre cibo e beni.

Sebbene l’incessante crescita della popolazione e la fame, ancora presente in vaste aree del nostri pianeta, c’impongano di produrre più cibo, non si può più ignorare la necessità di produrre alimenti per l’uomo e per gli animali in modo sostenibile.

Allevare ruminanti è già di per sé un esempio virtuoso di valorizzazione di alimenti che l’uomo non potrebbe utilizzare, come le fibre, l’azoto non proteico e i sottoprodotti dell’industria alimentare, ma c’è ancora molto da fare per ridurre i gas serra e le sostanze eutrofizzanti che accompagnano la produzione di latte e di carne.

Il 28 Novembre 2018 a Lazise (Verona) la ED&F Man, in collaborazione con i sui brand Sugar Plus e Westway (USA), ha organizzato una conferenza internazionale dal titolo “From sugars to liquid feeds, from research to the future” a cui hanno partecipato oltre 400 nutrizionisti provenienti da 12 paesi, compresa l’Italia. l’obiettivo di questa giornata di studio è stato quello di divulgare la ricerca scientifica sui melassi, utilizzati da questa multinazionale inglese come base, o meglio come carrier, di altri nutrienti nei mangimi liquidi e che rappresentano una nuova frontiera nell’alimentazione dei ruminanti.

Il melasso è un sottoprodotto della lavorazione della barbabietola e della canna per l’estrazione dell’zucchero, al pari della farina d’estrazione di soia o dei cruscami che lo sono, rispettivamente, per l’industria dell’olio e per quella molitoria. Gli zuccheri sono nutrienti ben noti ai ruminanti perché presenti nei frutti e nell’erba, ed hanno quindi accompagnato il percorso evolutivo di questi animali per molti millenni.

Molti sono i potenziali sottoprodotti dell’industria alimentare utilizzabili nell’alimentazione animale, a patto che abbiano un reale valore nutritivo e che non trasferiscano nelle carni e nel latte sostanze nocive per la salute umana. Negli ultimi decenni il progredire delle conoscenze sulla nutrizione animale e sulla sicurezza alimentare, accompagnato da una legislazione sempre più stringente, ha escluso molti sottoprodotti  dalle diete dei “food animal”  ma ci ha permesso di valorizzarne molti altri, tra cui il melasso.

Merito della ED&F Man, ed in particolare della Sugar Plus, che ha investito ingenti risorse economiche nella caratterizzazione analitica delle frazioni di zuccheri presenti nei vari melassi disponibili e per capire come questi interagiscano con il microbiota ruminale e intestinale e come vengano assorbiti nel tratto gastro-intestinale.

Abbiamo apprezzato l’affermazione di Phil Holder, Managing Director della ED&F Man, che ha più volte ribadito come gli sforzi scientifici della sua società puntino a valorizzare tecnicamente il melasso per farlo uscire dal “mondo delle commodity”, anche perché nella nutrizione dei ruminanti non esiste una sostanziale differenza tra prodotto e sottoprodotto vista la complessità dell’ecosistema ruminale.

Le ottime relazioni tecniche, presentate dal direttore Paolo Galliussi, sono tenute da Paul Weimer dell’Università di Wisconsin-Madison (USA), Greg Penner dell’Università di Saskatchewan (Canada), Alberto Palmonari dell’Università di Bologna, Joe Harris della Westway (USA) e Andrea Formigoni dell’Università di Bologna. E’ spettato a Luiza Fernandes della ED&F Man sintetizzare e concludere i lavori.

L’industria mangimistica, sia che produca mangimi secchi o mangimi liquidi, ha un ruolo determinate in questo nuovo e importante contesto in cui la sostenibilità delle produzione di prodotti di origine animale è fondamentale. L’economia circolare nella nutrizionale animale è una scelta eticamente doverosa ed è ampiamente condivisa e sostenuta dai consumatori che vogliono essere protagonisti del salvataggio del nostro pianeta. Industrie come la Sugar Plus, e più in generale quelle che assemblano alimenti destinati all’alimentazione animale, hanno un ruolo fondamentale nel riconoscere gli alimenti potenzialmente e effettivamente disponibili, e nel disporne il giusto rapporto in una dieta giornaliera destinata agli animali che producono cibo per l’uomo, che abbia come obiettivo sia le elevate performance produttive che il benessere degli animali.

Sarà poi compito dell’industria lattiero-casearia e della carne rendere possibile al consumatore la scelta di alimenti sostenibili ed etici, ossia prodotti all’insegna anche dell’economia circolare.

Le relazioni tecniche presentate al convegno sono contenute in un apposito proceeding realizzato da Sugar Plus e disponibile per chi ne faccia richiesta.

Print Friendly, PDF & Email
Di |2018-12-12T10:17:59+00:004 Dicembre 2018|Categorie: News|Tags: , , , , |

About the Author:

Dairy Production Medicine Specialist Fantini Professional Advice srl Email: dottalessandrofantini@gmail.com

Scrivi un commento