Terapia selettiva alla messa in asciutta (SDCT) – basata sulle evidenze

/, Ruminantia mensile, Sanità/Terapia selettiva alla messa in asciutta (SDCT) – basata sulle evidenze

Terapia selettiva alla messa in asciutta (SDCT) – basata sulle evidenze

Introduzione

Dopo 40 anni di somministrazione della terapia sistematica alla messa in asciutta con antibiotici (blanket dry cow therapy o BDCT) a tutto l’allevamento, alcuni allevamenti da latte in Israele sono passati alla terapia selettiva alla messa in asciutta (selective dry cow therapy o SDCT). Questo cambiamento è benvenuto poiché sottolinea ancora una volta il riconoscimento della necessità di ridurre al minimo l’uso di antibiotici, senza ovviamente danneggiare la salute ed il benessere degli animali.

Anni fa, nel Nord Europa e in America, un certo numero di paesi ha emanato linee guida per ridurre l’uso di antibiotici. Questo cambiamento è dovuto all’aumento della diagnosi nella medicina umana della resistenza agli antibiotici (AMR) e alla preoccupazione che questo fenomeno possa apparire anche nel mondo veterinario

In Danimarca, ad esempio, l’uso della BDCT è stato vietato 20 anni fa. Questo atto era corretto? Veterinari e allevatori di bovine da latte in questo paese hanno riferito che i batteri infettivi S. agalactiae, che non erano mai stati diagnosticati prima di quel momento, avevano iniziato ad “alzare la testa” e il tasso di presenza nel latte aveva recentemente raggiunto il 5% di tutte le diagnosi. È stato inoltre riscontrato che limitazioni nell’uso di antibiotici durante la messa in asciutta hanno portato ad aumenti dell’uso di questi farmaci durante il periodo di lattazione e all’aumento dell’incidenza delle infezioni cliniche. In Olanda, invece, il divieto è entrato in vigore nel 2012 ed è stata imposta agli allevatori di bovine latte una riduzione del 50% nell’uso di antibiotici alla messa in asciutta e anche durante il periodo della lattazione. Il livello della conta delle cellule somatiche (SCC) in questo paese prima che il divieto diventasse applicabile era leggermente superiore alle 200.000 cellule per millilitro di latte. Cinque anni dopo l’entrata in vigore del divieto di utilizzare antibiotici in questo modo, il punteggio SCC è sceso a 170.000 cellule/ml e l’uso di antibiotici è diminuito di oltre il 60%. Il successo della decisione presa in Olanda ha portato i ricercatori alla conclusione che il processo di transizione deve essere strettamente accompagnato dal monitoraggio della salute delle mammelle, dal miglioramento dell’interfaccia in generale, dall’adattamento personalizzato della nutrizione e dalla meticolosità nell’igiene della mungitura. I diversi risultati nei due paesi dimostrano che non è possibile modificare un parametro in un’equazione (cessazione della terapia antibiotica generale) senza allo stesso tempo modificare l’aspetto gestionale e comportamentale nella mandria adattandolo alla nuova situazione.

Un altro nuovo fattore che deve essere preso in considerazione è la possibilità di utilizzare un sigillante per capezzoli come sostituto o in combinazione con un antibiotico. L’introduzione dell’uso di un sigillante interno per capezzoli si è dimostrata molto efficace nella protezione contro nuove infezioni nel periodo di asciugatura (Friedman et al, 2017). Questa opzione fornisce all’allevatore la possibilità aggiuntiva di trattare alcune vacche senza antibiotici, in particolare quelle ad alto rischio di nuova infezione durante l’asciugatura (con difetti della mammella). Negli Stati Uniti, nello stato del Wisconsin, gli allevatori hanno deciso che avrebbero usato un sigillante per capezzoli per trattare tutte le vacche asciutte, indipendentemente dalla terapia antibiotica preliminare. In questi luoghi viene somministrato un trattamento antibiotico a tutte le vacche con un punteggio SCC superiore a 200.000 cellule/ml di latte e/o che hanno avuto un’infezione clinica durante la più recente lattazione. Come parte di questo programma, conducono un follow-up comparativo regolare del punteggio SCC prima e immediatamente dopo il parto per l’identificazione immediata delle tendenze di miglioramento/esacerbazione nel livello di infezione nella mammella durante il periodo di asciutta.

Altri ricercatori hanno scoperto che i capezzoli non si chiudono completamente nelle prime sei settimane del periodo di asciutta. Questa determina un alto rischio di nuove infezioni durante il periodo di asciutta, principalmente da batteri gram-negativi in ​​grado di penetrare nel canale del capezzolo nonostante la somministrazione di un trattamento antibiotico preliminare. Sulla base di questi dati, l’uso di un sigillante per capezzoli dovrebbe essere considerato favorevolmente in aggiunta, o senza, al trattamento antibiotico. La decisione di trattare solo con un sigillante per capezzoli e senza antibiotici deve essere presa solo quando dai risultati di laboratorio risulta chiaro che ogni quarto delle mammelle è privo di infezioni patogene e il processo di inserimento del sigillante è condotto nelle più severe condizioni di igiene.

Come è noto, ogni mandria ha la sua “verità” e l’allevatore deve tenerne conto, facendo affidamento sul database che costituisce questa “verità”. Più ampio è il database, più accurata sarà la decisione professionale presa dal professionista/allevatore. Il database dovrebbe includere: una storia delle infezioni cliniche e subcliniche della mammella nel più recente periodo di lattazione, diagnosi dei patogeni nella mammella, punteggi SCC in base alle ispezioni del latte al livello della mandria e della singola vacca, risultati del California Mastitis Test (CMT), risultati del test di sensibilità, la presenza di difetti alle estremità del capezzolo e una storia nota della produzione di latte.

Quando e come adottare la terapia selettiva “in asciutta”?

Il metodo della SDCT richiede all’allevatore molto più tempo e attenzione per la raccolta dei dati preliminari e per eseguire ulteriori test in laboratorio e nella stalla. Ogni allevatore deve chiedersi se è disposto a passare a un metodo basato su risultati variabili (SDCT) o se preferisce continuare con il modo più “facile” (BDCT) e ignorare le richieste dei consumatori e dell’industria lattiero-casearia. Bisogna tenere presente che le condizioni ambientali sono cambiate, la produttività è più elevata, la popolazione di batteri e la loro sensibilità agli antibiotici stanno anch’esse cambiando e dobbiamo agire saggiamente. La comparsa di batteri resistenti agli antibiotici nell’allevamento da latte può danneggiare la sicurezza dell’industria lattiero-casearia e la salute degli allevatori e dei consumatori.

Ogni allevatore deve determinare da sé quali misure/strumenti può utilizzare più abilmente per diagnosticare i quarti della mammella infetti e contemporaneamente identificare quelli che non hanno bisogno di cure antibiotiche al momento dell’asciugatura.

Negli Stati Uniti, molti allevatori (specialmente quelli con stalle giganti) eseguono un’identificazione preliminare dei gruppi batterici (gram-positivi, gram-negativi, specie di stafilococco) utilizzando le colture on-farm (OFC). La procedura diagnostica viene eseguita nella stalla dopo che il latte è stato campionato, seminato su una piastra di coltura e posto in un incubatore. I risultati possono essere interpretati dall’allevatore 24 ore dopo in base ai cambiamenti nel colore della piastra di coltura. Sulla base di questo risultato, l’allevatore decide se trattare e come farlo. In Israele, non vi è alcun grande vantaggio in questo metodo poiché è possibile inviare campioni di latte direttamente al laboratorio senza costi e ricevere una risposta precisa sul patogeno (non solo a quale gruppo appartiene) entro 72 ore, inclusi i risultati del test di sensibilità. L’applicazione ottimale dell’asciutta selettiva richiede un campione preliminare una settimana prima della data della messa in asciutta dopo, in base all’identificazione dell’agente patogeno al livello del quarto, si può quindi prendere una decisione corretta che tenga conto dell’infezione reale e della sensibilità dell’agente patogeno all’antibiotico.

Gli allevatori che scelgono di essere assistiti solo eseguendo una CMT e/o facendo affidamento solo su un punteggio SCC (DHI), devono per lo meno essere assistiti dalla storia delle infezioni cliniche nel periodo di mungitura più recente, al fine di prendere una decisione più strettamente allineata con lo stato attuale dell’infezione intramammaria. Data la sensibilità relativamente bassa dei due test sopra menzionati (vedi sotto), e in assenza di risultati del test di sensibilità, il successo nell’individuare veramente tutte le vacche/quarti infetti e nel fornire il trattamento ottimale non è di per sé sufficiente e le vacche potrebbero essere trascurate in termini di ricevimento/non ricevimento del trattamento.

Il livello di SCC nel latte di massa durante i controlli indica il tasso di vacche/quarti infetti. Pertanto, le aziende con un alto punteggio SCC (superiore a 300.000) hanno meno probabilità di adottare il trattamento selettivo alla messa in asciutta rispetto alle aziende con un punteggio SCC inferiore a questo tasso (vedi sotto). Va inoltre ricordato che il livello di SCC all’interno di una stessa mandria fluttua nel corso dei mesi dell’anno e che questi dati dovrebbero essere calcolati nuovamente ogni mese come strumento di previsione per la popolazione di vacche che richiede un trattamento antibiotico.

Quando il trattamento selettivo non funziona?

Ci sono diverse ragioni per il mancato successo del trattamento selettivo. Come affermato in precedenza, questo trattamento deve essere supportato e basato su un ampio mix di dati e qualsiasi tentativo di accorciare il percorso e fare affidamento su un piccolo set o su un singolo risultato, come il più recente punteggio SCC e/o solamente un test CMT, riduce la probabilità di successo e può anche portare ad un fallimento.

Test come i punteggi CMT e SCC a livello della singola bovina segnalano l’esistenza di un processo infettivo ma non indicano chiaramente la presenza del fattore patogeno, o la sua assenza, al momento del test stesso. La sensibilità di questi test non è molto alta, e hanno quindi bisogno di controlli attraverso ulteriori test per confermare il risultato, in cui il gold standard è l’identificazione in laboratorio del fattore patogeno (Tabella 1).

 

Tabella n. 1. Panoramica delle sensibilità dei test per l’identificazione delle infezioni intra-mammarie non accompagnati da test di laboratorio

* Middleton et al., 2004; Sanford et al., 2006

** Torres et al., 2008; Pantoja et al., 2009

 

Come si può notare, un totale affidamento sui risultati dei test che compaiono in questa tabella potrebbe portare ad una situazione in cui alcune delle vacche infette non verrebbero identificate e pertanto non sarebbero trattate come richiesto con antibiotici e/o un sigillante per capezzoli, a seconda dei casi.

In alcuni allevamenti di bovine da latte in Israele, è d’uso considerare una sola misura – il punteggio SCC o il più recente DHI – per decidere se trattare con antibiotici. Le vacche con un punteggio SCC superiore a 200.000 cellule/ml di latte sono trattate con antibiotici in tutti e quattro i quarti, mentre quelle con punteggio al di sotto di questo livello non sono trattate (Figura 1). In un’analisi dei risultati di 206 vacche in uno degli allevamenti, sono stati misurati e confrontati i punteggi SCC dopo il parto e prima del parto ed è stata esaminata la correttezza della decisione di trattare o no con antibiotici. Lo stato delle vacche è stato definito in base al punteggio SCC iniziale (“sano”/”infetto”) e ai cambiamenti avvenuti in queste definizioni durante la messa in asciutta, durante il primo test DHI dopo il parto.

 

Figura 1: La variazione di SCC prima e dopo la messa in asciutta come indicatore del successo o del fallimento del processo decisionale sull’opportunità di trattare/non trattare con  antibiotici le vacche con un punteggio SCC superiore o inferiore a 200.000 cellule/ml.

 

E’ stato trovato che nelle vacche “sane” con SCC inferiore a 200.000 cellule/ml, la decisione di non trattare con antibiotici a livello di singola bovina era corretta nell’82% dei casi. Allo stesso tempo, il 18% delle vacche è stato diagnosticato come avente nuove infezioni a causa di un aumento dei punteggi SCC rispetto al punteggio iniziale prima della messa in asciutta.

Nelle vacche definite dall’inizio come “infette” (oltre 200.000 cellule/ml) e sottoposte a trattamento antibiotico in tutti e quattro i trimestri, il trattamento si è dimostrato efficace ed ha ridotto la SCC nel 73% dei casi. Allo stesso tempo, il punteggio SCC è rimasto alto nel 27% delle vacche anche dopo il trattamento e questi animali sono stati quindi definiti come rimasti “infetti”.

Un riassunto di questi risultati mostra che, con questo modello e con questa metodologia di lavoro, non riusciremo a identificare il 18% delle bovine infette, tratteremo il 27% delle vacche apparentemente croniche e il trattamento antibiotico non cambierebbe nulla.

In un’analisi avanzata di questi risultati, è stato aggiunto un ulteriore indicatore al modello per quantificare la variazione percentuale nella SCC come “successo”/”fallimento”/”nessun cambiamento”. È stato stabilito che il “fallimento” nel trattamento sarebbe stato definito come un aumento di oltre il 10% nella SCC prima della messa in asciutta, il “successo” come una riduzione di oltre il 10%, mentre una variazione di SCC inferiore al 10%  prima e dopo la messa in asciutta sarebbe stata definita “nessun cambiamento” (Tabella n. 2).

 

Tabella n. 2. Variazioni della SCC in vacche al di sopra o al di sotto del 10% prima della messa in asciutta e dopo il parto come indicatore del successo o del fallimento del processo decisionale sull’opportunità o meno di trattare con antibiotici basato sull’ultima ispezione del latte prima della messa in asciutta.

 

E’ stato riscontrato che nell’87,5% delle vacche con SCC superiore a 200.000, il trattamento antibiotico era efficace e la definizione della soglia era probabilmente molto vicina a quella della presenza di un fattore patogeno nella mammella come espresso nel livello della SCC. Nelle vacche definite “sane” e non trattate, è stato riscontrato un miglioramento solo nel 46% degli animali, il 9,8% non ha mostrato alcun cambiamento, mentre è stato riscontrato un peggioramento nel 44% dei casi. In altre parole, queste vacche non sono state identificate come “infette” all’inizio della messa in asciutta (nonostante avessero uno SCC inferiore a 200.000). La spiegazione di questo fenomeno risiede nel fatto che i risultati delle ispezioni sul latte sono i risultati del latte misto dei quattro quarti. Potrebbe essere che, sebbene il risultato generale fosse effettivamente inferiore a 200.000, almeno un quarto fosse infettato da un  patogeno e il suo mancato trattamento al momento della messa in asciutta ha portato ad un peggioramento del livello di SCC dopo il parto. Un’altra possibile spiegazione è la comparsa di una nuova infezione dovuta a infiltrazioni batteriche verificatesi durante il periodo di asciutta a causa della mancanza di un sigillante antibiotico sul capezzolo/ferita al capezzolo/ un’eccedenza di latte nella mammella/o una produzione di latte che ha causato una nuova infezione e un aumento della SCC dopo il parto.

Qual è il livello di infezione della mammella in Israele secondo le ispezioni sul latte DHI nel 2017?

Al fine di ottenere un quadro nazionale della distribuzione annuale degli allevamenti secondo i livelli di SCC nel 2017, è stata condotta un’analisi dei seguenti risultati. I dati provengono da 558 aziende che hanno effettuato ispezioni sul latte (almeno 10 ispezioni all’anno) nel 2017. Più di un milione e centottanta mila (1.184.154) ispezioni sono state sommate e analizzate, fornendo un analisi a livello della SCC della popolazione di vacche esaminate durante l’anno (Tabella n. 3).

 

Tabella n. 3 – Distribuzione delle vacche secondo i livelli di DHC SCC nel 2017 nelle mandrie israeliane su cui vengono effettuati controlli regolari del latte

 

Successivamente, gli allevamenti sono stati divisi in base ai livelli annuali di SCC e in parallelo sono stati effettuati anche esami su una percentuale delle vacche “sane” – quelle con una SCC inferiore a 200.000 cellule/ml di latte ad ogni livello (Tabella n. 4).

 

Tabella n. 4 – Livelli di SCC nel latte – stima del livello di infezioni intra-mammarie, numero di allevamenti (n = 558) a ciascun livello di infezione e percentuale delle vacche “sane” a ciascun livello di SCC (Dairy herd book 2017).

 

I tassi di infezione intra-mammaria aumentano quando il livello generale di SCC aumenta nella mandria. Poiché si accetta che la soglia di SCC per l’infezione sia superiore a 200.000 cellule/ml, allora in base a questi risultati solo 97 allevamenti (17%) sono risultati allevamenti con basso tasso di infezione intra-mammaria, mentre l’80% delle loro vacche aveva “mammelle sane” il giorno in cui è stata effettuata l’ispezione sul latte (SCC inferiore a 200.000). 282 allevamenti (50,5%) avevano un livello medio di SCC e infezione intra-mammaria, mentre il 74% delle vacche di questo gruppo risultava avere mammelle sane.

Il resto degli allevamenti è risultato essere ad alti (oltre 300.000) o molto alti (oltre 350.000) livelli di infezione, fatto che ha comportato una riduzione della loro capacità di eseguire una terapia selettiva alla messa in asciutta poiché quasi il 40% delle vacche è stato definito dal sistema come avente una mammella “infetta”. Sulla base di questi dati, è anche possibile predire i gruppi “sani” di vacche nella mandria totale a ciascun livello di SCC (Figura n. 2) e suggerire per quale numero di parti può essere raccomandata la messa in asciutta selettiva con maggiore successo.

 

Figura 2. Previsione dei risultati in termini di percentuale di vacche nella mandria che sono “in salute nelle mammelle” (vacche con SCC inferiore a 200.000) in base ai risultati dell’ispezione del latte e al numero di parti (in base ai dati dell’Herd Book – DHI -Milk Inspections 2017)

In base a questo modello, l’allevatore riceve informazioni ogni mese sui risultati dell’ispezione del latte più recente, ad esempio quali lattazioni dovrebbero essere “sane”. I dati riguardano l’ultimo mese e, naturalmente, includono le vacche designate per la messa in asciutta in quel momento. E’ quindi possibile concentrarsi su queste lattazioni mentre si implementa a pieno il programma di asciutta selettiva (vedi sotto).

Ad esempio, dove i livelli di SCC in una mandria sono inferiori a 200.000, la percentuale di vacche “sane” è molto alta, e quindi il dry-off selettivo è raccomandato per tutte le bovine. Con un aumento dei livelli di SCC, si verifica una riduzione della percentuale di vacche “sane” e le lattazioni raccomandate per il trattamento selettivo sono state pertanto ridotte.

In una mandria con un punteggio SCC superiore a 300.000 cellule/ml di latte, si raccomanda di asciugare selettivamente solo le vacche al primo e secondo parto. Quando il punteggio di SCC è superiore a 350.000 cellule/ml di latte, la messa in asciutta può essere condotta con successo solo nelle vacche alla prima lattazione o non essere condotta affatto.

Durante il lavoro con questo modello, gli sforzi si concentrano sui gruppi “sani” mentre gli altri gruppi rimangono soggetti alla metodica del BDCT come prima di intraprendere questo metodo. Quando si implementa questo modello, l’uso di antibiotici viene ridotto nei gruppi “sani” e, contemporaneamente, la salute della mammella non è eccessivamente a rischio a causa della non identificazione delle bovine infette. Non c’è dubbio che coloro che desiderano prendere in carico “l’asciutta selettiva” isolatamente dai risultati mensili dell’SCC e dalle diverse lattazioni possono farlo, a patto che attuino il programma di messa in asciutta senza scorciatoie e facciano il miglior uso degli strumenti diagnostici e di identificazione prima di prendere la decisione terapeutica assicurando così il successo dell’azione intrapresa.

Il protocollo raccomandato per l’implementazione della terapia selettiva alla messa in asciutta

Per la prima volta, presentiamo qui un piano che include il calendario e le fasi previste per le varie azioni che dovrebbero essere portate avanti, inclusa la raccolta di informazioni e la documentazione richiesta durante il processo. In questo metodo di lavoro è prevista la creazione di un database il più ampio possibile, che viene utilizzato per prendere le decisioni terapeutiche più corrette a livello di quarto, ma che richiede un follow-up per tutto il periodo di asciutta (si deve ricordare che alcuni quarti/mammelle non sono trattati affatto) e dopo il parto, con l’obiettivo di rilevare un cambiamento nelle tendenze delle infezioni intra-mammarie il più presto possibile se sono state prese decisioni sbagliate.

 

 

Prendere una decisione sulla terapia:

Quarto 1 –  solo sigillante per capezzoli

Quarto 2 – nessun trattamento

Quarto 3 – antibiotici e sigillante per capezzoli

Quarto 4 – nessun trattamento

 

Risparmio: 75% nell’uso degli antibiotici

Spese: 50% per l’aggiunta dei sigillanti

 

Proseguimento del monitoraggio:

Durante il periodo di asciutta – specialmente nelle prime settimane e dopo il parto – cambiamenti nella mammella e nella vacca.

Dopo il parto – Necessità di campionare le vacche con SCC anormale o con un’infezione clinica al capezzolo le cui condizioni sono peggiorate durante il periodo di asciutta.

Riepilogo e raccomandazioni

  1. La messa in asciutta selettiva (SDCT) e la riduzione dell’uso di antibiotici sono una realtà obbligata nel mondo e in Israele e non possono essere ignorati. Tuttavia, per svolgere con successo questi compiti, dobbiamo utilizzare un ampio database a livello della mandria e della singola bovina. La regola che ci guida è l’uso in parallelo delle informazioni esistenti e dei vari e diversi strumenti diagnostici per identificare le vacche infette/sane. Dopo aver raccolto quante più informazioni possibili, il trattamento può essere somministrato a livello di quarto e può comprendere quattro diverse opzioni: a) nessun trattamento, b) trattamento antibiotico c) trattamento solo con sigillante per capezzoli, d) trattamento combinato con antibiotici e sigillante.
  2. L’uso corretto di un sigillante per capezzoli previene una nuova infezione (4,5 volte di più) e aumenta della velocità di guarigione di 2,4 volte rispetto a quanto avviene nelle vacche che non sono state trattate con esso. Questo trattamento risparmia l’uso di antibiotici laddove non è necessario e se la mammella/il quarto è stato trovato privo di patogeni. D’altra parte, è un sistema che impedisce nuove infezioni grazie alla sua capacità di sigillare fisicamente il canale del capezzolo contro la penetrazione da parte di elementi ostili.
  3. Effettuare un trattamento selettivo sulla base dei soli risultati SCC, o eseguire un test CMT, non dà i risultati sufficienti. Alcune delle vacche infette non saranno quindi identificate e trattate nel periodo di asciutta, che è un periodo critico per il possibile recupero.
  4. La diagnosi microbiologica di laboratorio a livello di quarto, anche se eseguita una settimana prima dell’asciutta, è quella che restituisce il risultato più vicino alla realtà e che fornisce la migliore valutazione dell’infezione/salute della mammella/quarto.
  5. L’aggiunta del test di sensibilità al risultato diagnostico ci consente anche di sapere chiaramente con quali antibiotici trattare/non trattare, poiché conosciamo la sensibilità/resistenza del patogeno al trattamento.
  6. Nonostante quanto è stato detto sopra, l’allevatore/veterinario dell’azienda deve comprendere che la SDCT può includere il rischio di nuove infezioni, se comparata alla BDCT. Al fine di ridurre il danno che può essere causato da decisioni errate, è necessario tenere conto del livello mensile di SCC, che ci porterà ai gruppi di lattazione “più puliti” e da lì ad eseguire il piano di azione come presentato. Ad alti livelli di SCC (300.000 cellule/ml di latte), si dovrebbe considerare se sia possibile, nella situazione data, condurre il processo di messa in asciutta selettiva in modo appropriato o se sia prima necessario determinare un miglioramento nel livello di infezione intra-mammaria dell’intero allevamento (nel SCC generale) e solo successivamente attivare il programma di dry-off selettivo.

 

 

Autori:

Dr. Shmulik Friedman – Israeli Dairy Board (IDB)

Dr. Yaniv Lavon – Cattle Breeders Association (ICBA)

 

 

DOI 10.17432/RMT.2016-2504
Print Friendly, PDF & Email

About the Author:

Israeli Dairy Board (IDB). Email: shmulik@milk.org.il

Scrivi un commento