Il finanziamento fornirà l’accesso a Internet ad alta velocità a persone e aziende in aree rurali e remote in 20 stati; Ulteriori finanziamenti proverranno dalla legge bipartisan sulle infrastrutture del presidente Biden nei prossimi mesi

Il segretario del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) Tom Vilsack ha annunciato oggi che il Dipartimento sta assegnando 502 milioni di dollari in prestiti e sovvenzioni per fornire accesso a Internet ad alta velocità per i residenti rurali e le imprese in 20 stati. Il finanziamento fa parte dell’impegno dell’amministrazione Biden-Harris di investire in infrastrutture rurali e di fornire a tutti Internet affidabile, conveniente e ad alta velocità. L’USDA sta effettuando gli investimenti attraverso il terzo round di finanziamento del programma ReConnect.

Il Dipartimento effettuerà ulteriori investimenti per Internet ad alta velocità nelle zone rurali nei prossimi mesi, compresi i finanziamenti della legge sulle infrastrutture bipartisan del presidente Biden, che prevede un investimento storico di 65 miliardi di dollari per espandere Internet ad alta velocità a prezzi accessibili a tutte le comunità degli Stati Uniti

“L’impegno del presidente Biden per Internet ad alta velocità nelle comunità rurali è fondamentale per garantire che l’economia della nazione continui ad espandersi dal basso verso l’alto”, ha affermato Vilsack. “Internet ad alta velocità migliorerà l’economia rurale. Aiuterà le imprese rurali a crescere e ad accedere a nuovi mercati. Aiuterà i residenti rurali ad avere accesso a maggiori e migliori opportunità di assistenza sanitaria e educativa. L’USDA sa che l’America rurale è la spina dorsale dell’America e che qui prosperità significa prosperità per tutti”.

L’USDA sta ottenendo 32 premi in Alabama, Alaska, California, Colorado, Illinois, Iowa, Kansas, Michigan, Minnesota, Mississippi, Missouri, Montana, Nebraska, North Carolina, North Dakota, Oklahoma, Oregon, Tennessee, Texas e Wyoming. Molti dei premi aiuteranno le popolazioni rurali e le imprese nelle terre tribali e le persone nelle comunità socialmente vulnerabili.

Per maggiori informazioni cliccare qui 

Print Friendly, PDF & Email