L’indice dei prezzi alimentari della FAO è diminuito moderatamente a ottobre, con un calo dello 0,5 % rispetto a settembre. L’unico aumento è stato quello dell’indice dei prodotti lattiero-caseari, secondo quanto riferito il 3 novembre dalla FAO. Calano invece le quotazioni internazionali di riso, grano, olio di palma e carne suina.

L’indice dei prezzi alimentari FAO, che tiene traccia delle variazioni mensili dei prezzi internazionali di una serie di prodotti alimentari scambiati a livello globale, ha registrato una media di 120,6 punti a ottobre, in calo del 10,9 % rispetto all’anno precedente.

L’indice dei prezzi dei cereali è diminuito dell’1,0% rispetto al mese precedente. I prezzi internazionali del riso sono diminuiti del 2,0%, mentre quelli del grano sono diminuiti dell’1,9 % a causa dell’abbondanza di forniture dagli Stati Uniti d’America e dalla forte concorrenza tra gli esportatori. Al contrario, le quotazioni dei cereali secondari sono aumentate leggermente, guidate dal mais a causa della scarsità delle forniture in Argentina.

L’indice dei prezzi degli oli vegetali è diminuito dello 0,7 % rispetto a settembre, a causa dei prezzi internazionali più bassi dell’olio di palma, mentre i prezzi dell’olio di soia sono aumentati a causa di una forte domanda dal settore del biodiesel.

L’indice dei prezzi dello zucchero è diminuito del 2,2 %, ma è rimasto ancora significativamente più alto rispetto all’anno precedente a causa di una forte produzione in Brasile.

L’indice dei prezzi delle carni è diminuito dello 0,6%, a causa di una debole domanda di importazioni, in particolare dall’Asia orientale, che ha portato a una diminuzione dei prezzi internazionali della carne suina.

In controtendenza l’indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari che è aumentato del 2,2 % a ottobre, mettendo fine a un calo di nove mesi. I prezzi della polvere di latte a livello mondiale sono aumentati principalmente a causa della forte domanda di importazioni a breve e lungo termine, oltre a un certo grado di incertezza sull’impatto delle condizioni meteorologiche legate all’El Niño sulla produzione futura di latte in Oceania.

Ulteriori dettagli sono disponibili qui.

Scorte mondiali di cereali adeguate

In un nuovo Rapporto sull’Offerta e la Domanda di Cereali, anch’esso pubblicato il 3 novembre, la FAO ha mantenuto la sua previsione sulla produzione cerealicola mondiale per il 2023 a 2.819 milioni di tonnellate, un record.

Sono stati apportati alcuni aggiustamenti ai dati a livello di paese, in particolare con una produzione di cereali secondari più elevata in Cina e nella maggior parte dell’Africa occidentale, mentre le previsioni di produzione di grano sono state aumentate per l’Iraq e gli Stati Uniti e riviste al ribasso per l’Unione Europea e il Kazakistan. La produzione mondiale di riso nel 2023/24 dovrebbe aumentare marginalmente anno su anno. Le nuove revisioni includono un miglioramento della produzione dell’India, che ha compensato le diverse altre revisioni, in particolare una nuova revisione al ribasso delle prospettive di produzione dell’Indonesia.

La previsione dell’utilizzo mondiale di cereali per il 2023/24 è di 2.810 milioni di tonnellate, con un utilizzo totale sia di grano che di cereali secondari destinato a superare i livelli del 2022/23, mentre l’utilizzo del riso dovrebbe rimanere stabile rispetto alla stagione precedente.

Il report prevede che il rapporto tra le scorte di cereali e l’utilizzo per il 2023/24 si attesterà al 30,7%, “una situazione di approvvigionamento adeguata dal punto di vista storico” e leggermente superiore al 30,5 % dell’anno precedente, secondo la FAO.

Il commercio globale di cereali nel 2023/24 è previsto a 469 milioni di tonnellate, in contrazione del 1,6 % rispetto all’anno precedente.

Ulteriori dettagli sono disponibili qui.

Conflitti e valute deboli aggravano la fame nei paesi vulnerabili

I conflitti persistenti e in via di intensificazione stanno aggravando l’insicurezza alimentare e i prezzi moderati delle materie prime alimentari a livello internazionale vengono contrastati dalle valute deboli in molti paesi a basso reddito. Secondo l’ultimo rapporto su Prospettive delle Colture e Situazione Alimentare, una pubblicazione triennale del Sistema Globale di Informazioni e Allerta Precoce (GIEWS) della FAO, un totale di 46 paesi nel mondo, di cui 33 in Africa, sono valutati come necessitanti di assistenza esterna per il cibo.

Più della metà degli abitanti della Striscia di Gaza si stima vivano in uno stato di insicurezza alimentare acuta già dal 2022, e l’escalation del conflitto aumenterà le necessità di assistenza umanitaria ed emergenza, mentre l’accesso alle aree colpite rimane una preoccupazione allarmante, ha dichiarato la FAO, aggiungendo che gli effetti collaterali del conflitto potrebbero peggiorare l’insicurezza alimentare in Libano.

Sebbene la produzione cerealicola mondiale sia prevista in aumento dello 0,9 percento nel 2023 rispetto all’anno precedente, il ritmo di crescita sarà la metà di quella del gruppo di 44 Paesi a basso reddito deficitari di cibo (LIFDC), sottolinea il rapporto.

Il rapporto fornisce informazioni dettagliate sulla fame e sulle tendenze dei prezzi che le persone affrontano nei paesi colpiti. Fornisce inoltre una valutazione dettagliata delle prospettive di produzione e scambio di cereali a livello regionale in tutto il mondo.

Print Friendly, PDF & Email